Gheorghe Liliana - ARPEGGIO LIBERO EDITRICE s.a.s.

SEGUICI
Arpeggio Libero Editrice
IL MIO CARRELLO - TOTALE
Vai ai contenuti

Gheorghe Liliana

AUTORI > Fi - G
Gheorghe Liliana (Bucarest 2/04/1971) e-mail : lilianagheorghe@alice.it Ingegnere di formazione, tuttofare di professione: madre, moglie, cameriera, mediatrice interculturale, interprete in Tribunale, con l’arrivo della malattia, che chiamerei “malattia dell’infinito“, direi che ho trovato efficace la terapia dell’intelletto ed ho cominciato a fare corsi e concorsi di ogni tipo. Era la stessa cura che mi faceva andare a teatro in Romania nel comunismo di Ceausescu e che ho riscoperto, dopo due decenni, tra gli amici della Good Company in Romania e tra la gente della mia città di adozione, Viterbo. Dipendente da Caffeina, manifestazione culturale viterbese, ho pubblicato dei racconti in due antologie di scrittori esordienti: “Forti come sfere di vetro” a cura di Foripsi edizioni e “Quei pomeriggi in vicolo della Bucaccia”, Davide Ghaleb Editore. Arrivata dal paese degli ingegneri cercavo un posto per vivere. L’ho trovato scrivendo.
Il sorriso triste dei girasoli - Mariani / gheorghe
Narrativa generica
Non c’è trama, non c’è tempo, non c’è luogo. Soltanto le trame, i tempi e i luoghi dell’animo umano ferito. Uno psicoterapeuta affermato e con tanta esperienza, prende in cura una donna romena ipertraumatizzata: l’eco lontana del regime di Ceauşescu, il terremoto di Bucarest subito da bambina, un padre alcolista e affetto da sindrome bipolare, il ricordo vago del manicomio, il fratello suicida a 24 anni, una madre ipocondriaca sempre alle prese con tumori immaginari e crisi depressive. I dialoghi sono rarefatti ma il flusso dei pensieri, dei ricordi, delle memorie traumatiche e delle nostalgie dell’uno e dell’altra sono invece forti ed intensi. Spesso i ruoli sembrano invertirsi e le memorie di entrambi i protagonisti si intrecciano. Spesso il tempo e lo spazio perdono la loro precisa connotazione. Spesso non si comprende bene chi conduce il gioco mortalmente serio della cura. É la descrizione di un incontro particolare, di un incontro che viene da lontano e che si fa largo tra pesanti macerie. Un incontro al cui interno le memorie traumatiche della paziente risvegliano le memorie traumatiche del terapeuta, quasi ognuno a curare l’Altro e a prendersi cura della vita dell’Altro. Senza mai dirselo. Più che le parole e i dialoghi, emergono il non detto, il mai detto, le verità private, l’indicibile.
Sconto quantità Sconto quantità
12.00 €(IVA incl.)
Aggiungi
I nostri contatti
ARPEGGIO LIBERO EDITRICE s.a.s.
via P. Ferrabini, 4
26900  LODI
Tel: 0371-424110 -
info@arpeggiolibero.com  -
P.IVA: 08975140966                                        
ARPEGGIO LIBERO EDITRICE s.a.s.
via P. Ferrabini, 4
26900  LODI
Tel: 0371-424110 -
info@arpeggiolibero.com  -
P.IVA: 08975140966                                        
Torna ai contenuti