Il Segreto sotto la Grande Quercia

16,00 €
13,60 €

La vita di Aylinn Edinbrain, giovanissima contessa inglese di fine 1700, sembrava seguire un destino preciso e inviolabile che l’avrebbe inevitabilmente condotta al matrimonio con un duca. Una vita tanto detestata, ma dalla quale pareva impossibile slegarsi.
Un’amicizia, proveniente da un passato quasi dimenticato, stravolgerà completamente tutti i programmi e tutti i sentimenti della ragazza. In una piovosa e grigia Inghilterra, Aylinn scoprirà e vivrà l’ipocrisia del suo mondo, l’egoismo e la falsità di tutto ciò che la circonda e tiene prigioniera.
C’è chi le promette la libertà che tanto sogna, c’è chi le promette una via di fuga, un punto di luce nell’abisso.

Recensioni

Martedì, 19 Maggio 2015
Come lo status sociale possa non essere un deterrente per la la felicità, c’è lo racconta Aurora Bardi mettendo a confronto due vite diverse. Una contessa, un contadino. Potrebbe a prima lettura sembrare la solita storia di una nobile viziata e infelice, che cerca l’amore altrove, ma dietro la vicenda si nasconde qualcosa di più profondo. Uno sguardo analitico di ciò che l’uomo è, sia in abiti regali che in quelli da contadino. Di come questi non siano sinonimo di una vita bella o brutta. Le due vite a confronto, quella di Aylinn e di Aiden non hanno nulla di diverso se non il rango sociale che porta la prima solo ad essere ricca, il secondo povero. Ma, mi è nata una domanda leggendo “Il Segreto sotto la grande quercia”: sono i soldi che rendono un uomo ricco o è la libertà? In questo romanzo chi versa più lacrime è Aylinn, ma l’autrice non ha voluto raccontare solo una storia che qualcuno potrebbe definire triste; ci ha lasciato un messaggio, un messaggio che colpisce le corde dell’anima, che mette a nudo le coscienze, che ci apre gli occhi di fronte a ciò che noi crediamo bello.
Ciò che subito ho apprezzato, è la semplicità. Spazzati via schemi vari in cui molti vorrebbero costringere gli autori, Aurora Bardi ci regala un romanzo che ha la spensieratezza del “voler raccontare”, senza farsi chiudere in vicoli che spesso fanno perdere l’ispirazione e la voglia di leggere e senza per questo creare confusione o dubbi. Anzi, tiene incollato il lettore fino all’ultima pagina. L’autrice ha saputo mischiare pensiero e azione senza eccedere con l’uno e l’altro.
Consiglio di acquistare il libro, un ottimo investimento per ore di pura emozione.
Annalisa Caravante
Martedì, 24 Febbraio 2015
Ho acquistato il libro attratta da copertina e descrizione. Mi ha ricordato in alcuni punti diversi romanzi delle sorelle Bronte, anche se poi la trama è molto diversa. Leggendolo ho provato diverse sensazioni, che hanno reso la lettura molto piacevole. L'autrice ha saputo coniugare al meglio queste sensazioni, impedendomi di interrompere la lettura fino alla fine del libro. Il finale è molto originale e non me lo sarei mai aspettato! Consiglio a tutti la lettura
federica
Mercoledì, 17 Dicembre 2014
Mi sono accostata a Il segreto sotto la grande quercia attirata dalla bellissima copertina e dalla trama, ero in cerca di una lettura leggera e ho sempre amato le storie in costume. Beh, devo dire che il libro mi ha sorpresa moltissimo! Oltre all'innegabile talento della giovanissima autrice, sono rimasta letteralmente a bocca aperta dal finale! Lo so, lo so, non posso fare spoiler ma credetemi, questo libro ha una marcia in più e chiunque arriverà a leggerlo fino alla fine - e lo consiglio a tutti - non potrà che darmi ragione. :D
Marta
Più recensioni

Informazioni aggiuntive

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.