Graziano e Walter Tramacere

graziano-e-walter-tramacere

Walter Tramacere (Gallipoli, 1968), laureato in scienze biologiche. Ambientalista convinto anche se non iscritto ad alcun gruppo in particolare. Forte sostenitore del nesso di causalità fra ambiente inquinato e tumori nella popolazione. Fumettista per hobby. Ama il pianoforte anche se, a suo dire, non è un amore corrisposto. È un pilota privato per diletto. 

Graziano Tramacere 

Graziano Tranacere, nato a Copertino il 25.01.1974 e residente in Leverano (Le), alla via Trieste, n°33, consapevole della responsabilità civile e penale riveniente dal rilascio di dichiarazioni mendaci, con la presente

DICHIARA

Di svolgere la professione forense dal 2004.

Di amare, nel tempo libero, la scrittura:

2005: pubblica, con Luca Pensa Editore, il romanzo gotico “Arcanum”;

2007: scrive la commedia in vernacolo: “Mors mea vita oscia” registrata c/o Siae in data 30.01.2008 n. cod. 153225;

2007: scrive il recital per scuole elementari di Leverano: “Una fortuna nascosta” registrata c/o Siae in data 06.06.2008 n. cod. 154900;

2008: scrive lo sketch “Rapina alla posta” vincitore del concorso indetto presso il Comune di San Donato nell'estate del 2009 - registrato presso la SIAE con numero di repertorio 154900;

2008: scrive la commedia in vernacolo: “I promessi sposi” rivisitazione in chiave ironica dell’omonimo romanzo del Manzoni, registrato presso la Siae in data 09.09.2008, con n. cod. 156003;

2008/2009: scrive la commedia dialettale “Mia nuora o mio genero?”;

2011: scrive il secondo romanzo dal titolo: “Maxima culpa”, ambientato sul lago Maggiore nell'Italia post-bellica;

2011: scrive  la commedia teatrale dal titolo: “L’amore è un’altra cosa”;

2012: scrive la commedia teatrale dal titolo: “La figlia del boss”;

2013: scrive il recital “Le stagioni della vita”;

2013: scrive la commedia teatrale: “Il Tradimento”.

la recitazione:

1999: interpreta il personaggio di “Vittorio” nella commedia “Miseria Bella” di P. De Filippo;

2001: interpreta la parte di Aldo nella commedia “Premiata pasticceria Bellavista” di Vincenzo Salemme, portata in scena nelle p.zze di Leverano (Le) e di Carmiano (Le);

2002: partecipa come comparsa nel film “Solino”;

2006: con la compagnia teatrale (di cui risulta essere socio fondatore) “Anonimi Salentini”, interpreta la parte di Peppu Lengualonga nella commedia “L’occa ti la gente” di Spano, portata nelle piazze di Leverano, Porto Cesareo, Campi Salentina (paesi della provincia di Lecce);

2007: prende parte al corso di dizione e recitazione organizzato dalla compagnia “Anonimi Salentini” e diretto dal regista dott. Enzo Pezzuto;

Dal 2007 al 2008 segue la regia del lungometraggio (amatoriale) Arcanum (tratto dall’omonimo romanzo dallo stesso scritto), interpretando anche la parte di Ronald, uno dei protagonisti del film;

2007: sempre con la prefata compagnia teatrale “Anonimi Salentini”, interpreta la parte di Giacomino nella commedia “Mors mea, vita oscia”, dallo stesso scritta, portata nelle p.zze di Leverano, Surano, Veglie, Porto Cesareo, Magliano, Galatone (paese della provincia di Lecce), nonché presso il Teatro Antoniano di Lecce nel Dicembre dello stesso anno;

2008: partecipa come comparsa nel telefilm “Nebbia e Delitti” con A. Barbareschi;

2008: con la compagnia teatrale “Anonimi Salentini”, interpreta le parti di Don Abbondio e Don Rodrigo nella commedia dialettale: “I promessi sposi” dallo stesso scritta e portata nelle p.zze di Leverano, Porto Cesareo, Soleto, Veglie e a dicembre c/o il Teatro Antoniano di Lecce;

2009: prende parte allo stage di laboratorio teatrale organizzato da Francesco Zecca (accademia recitazione Roma);

2009: con la compagnia teatrale “Anonimi Salentini” interpreta il ruolo di “Arturo” nella commedia “Mio genero o mia nuora?”, portata nelle piazze di Leverano, Veglie, San Donato, Campi Salentina, Castro Mediano, Soleto (tutti paese della provincia di Lecce); 

2009: nella rassegna teatrale “Lu teatru nesci” svolta a San Donato, vince il primo premio come miglior attore interpretando la parte di Arturo (un figlio omosessuale che combatte tra la paura di rivelare il proprio disagio al padre burbero ed il desiderio di vivere una vita normale);

2009: partecipa come comparsa al film-documentario realizzato da Giuseppe Ferrara “L'aeroporto fantasma”;

2010: con la compagnia teatrale “Anonimi Salentini” interpreta la parte di Giacomino nella commedia “Mors mea, vita oscia”, nonché di Arturo nella commedia “Mio genero o mia nuora?”, portate nelle piazze di Leverano, Carmiano, Soleto, Veglie, Cavallino, Calimera, San Donato, Porto Cesareo (c/o stabilimento Bacino Grande), San Cesareo;

2011: con la compagnia teatrale “Anonimi Salentini” interpreta la parte di Giovanni, un giovane latin lover, nella commedia: “L’amore è un’altra cosa” portate in scena in diverse piazze del Salento;

2011: nella VI rassegna Teatrale in vernacolo “Kaloceri sti Kalimera” di Calimera (Le) vince il premio “Miglior attore protagonista” interpretando la parte di Giovanni con la commedia “L’Amore è un’altra cosa”;

2012: con la compagnia teatrale “Anonimi Salentini” interpreta la parte di Nino nella commedia “La figlia del boss”, portata in scena in diverse piazze del Salento;

2013: con la compagnia teatrale “Anonimi Salentini” interpreta la parte del ladro nella commedia brillante: “Il tradimento”;

2013: partecipa al laboratorio teatrale con il dott. Giuseppe Miggiano, regista della compagnia teatrale La Calandra.

Informazioni aggiuntive

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.